Eppure è gioia.

Comincio ogni anno stilando una lista di buoni propositi. In genere mi concedo larghi margini di tempo, che rare volte riesco a rispettare.

Il 2016 inizia con un primo inaspettato traguardo.

Il mio obiettivo smart del 2015 (terminare la stesura della prima bozza del nuovo romanzo entro il 31/12) è stato raggiunto.

E siamo andati oltre. Dico siamo perché…

A soli sei giorni dall’inizio del nuovo anno, grazie all’inesauribile sostegno del mio editor Maurizio Vicedomini, ho in mano un nuovo romanzo da sottoporre a una CE.

Lo so, scrivere un libro non è tutto. Bisognerà trovare una CE che non voglia spremere il mio conto corrente come un limone, che sia disposta ad offrirmi una promozione adeguata e che mi garantisca un’ampia distribuzione.

I sogni son desideri di felicità, dissero i topini di Cenerentola. Ma i topi non cantano e io non sono Cenerentola.

Eppure è gioia.

In questo ultimo lavoro ho ritrovato la passione originaria di voler scrivere una storia per soddisfare, prima di tutto, l’esigenza di esprimermi giocando con le parole.

Il Na.No.Wri.Mo è stata un’esperienza unica e stimolante. Scrivere per se stessi è stato appagante. La febbre delle vendite rischiava di appannarmi la mente.

Ed ecco il primo proposito per il 2016: non mi strapazzerò i nervi alla ricerca del contratto del secolo.

Un bel respiro, un caffè con Serena Bianca De Matteis e ho preso coscienza del fatto che la mia vita non cambierà per aver scritto questa storia.

Eppure è gioia.

Percorrerò i canali convenzionali e andrà come deve andare. Perché il secondo proposito non prevede l’ingaggio di un agente letterario. Su questo punto ho riflettuto a lungo e ho concluso che l’intermediazione, per come stanno le cose oggi, è uno spreco di denaro.

Nessuna CE vorrà la mia storia?

Eppure è gioia.

Valutare la possibilità di autopubblicare è il mio terzo proposito.

Nel frattempo, continuerò a fare quello che mi soddisfa di più: scrivere storie.

A.G.

 

 

 

 

 

4 pensieri riguardo “Eppure è gioia.

  1. Eccomi, meglio tardi che mai. Non posso che condividere la gioia, è la stessa che provo io. Alla fine mi rendo conto che è quella il nucleo di tutto. E, subito dopo, augurarti un 2016 scintillante.
    Quando ci prendiamo un altro caffè? 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.