Esercizio: una buona descrizione.

https://i2.wp.com/i51.tinypic.com/2luf0go.jpg

Me lo portò con le mani chiuse a coppa, compiendo piccoli passi accompagnati dallo scricchiolio del parquet. Tratteneva il respiro e i suoi occhi erano due smeraldi, che mi ricordavano ogni giorno quanto fossi ricco e prossimo alla povertà.

Prendila…” disse, con quel tono lieve, simile alla brezza del mattino. Il suono della stanchezza, della malattia, del mio cuore attraversato dalle crepe, pronto a esplodere da un momento all’altro.

Me lo diede. Aveva il colore del ghiaccio ed era freddo. La parte più panciuta era attraversata da linee ondulate in rilievo, le toccai e scoprii che erano fatte di minuscoli granuli e che brillavano, proprio come le superfici dei laghi ghiacciati. Ci strofinai sopra il pollice e il movimento produsse una sottile vibrazione, seguita da un riverbero che mi penetrò fino al punto più profondo dell’anima, come quando facevo suonare i bicchieri, strofinando le dita bagnate sul bordo.

Con l’indice percorsi tutto un lato, fino a raggiungere l’apice. La punta era arrotondata, finsi di pungermi, strinsi i denti e risucchiai l’aria.

Come nella mia favola preferita!” esclamò.

Mi prostrai in avanti, in attesa di ricevere il bacio che mi avrebbe salvato. Desiderai addormentarmi davvero e non risvegliarmi mai più, la mia vita in cambio della sua. Non accadde.

Guarda…” disse, accostando il viso al mio e sollevando l’oggetto che ancora stringevo tra le mani. “…siamo noi.”

Il nostro riflesso si è gelato sulla superficie di quel lago.

Tengo il puntale su una mensola, anche se non è sempre Natale. Ogni tanto mi sembra di vederci, attraverso il vetro soffiato, mentre sgranocchiamo biscotti allo zenzero e modelliamo il marzapane. Una volta all’anno, i nostri volti cosparsi di granuli azzurro ghiaccio osservano il mondo dalla cima di un abete. Lei mi bacia sulla guancia, io le prendo un ricciolo e me lo attorciglio a un dito.

A.G.

 

DA UN’ESERCITAZIONE SVOLTA PER C’ERA UNA VOLTA UNA STORIA

LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA DELLA BIBLIOTECA DI MELEGNANO

5 pensieri riguardo “Esercizio: una buona descrizione.

  1. Una buona esercitazione, secondo il mio personale parere, che conta assai poco. Nonostante la parte descrittiva sia preponderante sei riuscita a costruirci intorno una piccola storia gradevole e intelligente.
    Veramente brava

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.